Malta: un piccolo scrigno del tesoro
12 gennaio 2018
Visto per la Russia: istruzioni per l’uso
27 marzo 2018


Australia? Sì, ma facciamo il giro largo!

Quando abbiamo varcato la soglia del Centro Visti per la Russia di Roma e siamo scesi in strada, stringendo i nostri passaporti tra le mani, ci siamo guardati negli occhi, e per un momento siamo stati le persone più felici della Terra.

All’interno dei due documenti per noi così importanti, e ad occuparne un’intera pagina con i nostri nomi scritti in alfabeto cirillico, i pass di accesso al paese più grande del mondo, la Russia. Un brivido di gioia percorse i nostri corpi, un grande sogno si stava realizzando, avremmo percorso la ferrovia più lunga del mondo.

Ma facciamo un passo indietro. Qualche mese prima avevamo deciso di lasciare il Canada, la nostra casa per i quattro anni precedenti, e di privarci di tutto ciò che aveva caratterizzato le nostre vite lì, a parte i ricordi, per dare inizio ad un nuovo capitolo [CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ]. Avevamo deciso di cominciarlo con un lungo viaggio, fino all’altra estremità del mondo.

La destinazione di questo viaggio sarà l’Australia, dove contiamo di fermarci per qualche tempo. La terra dei canguri sarà però, come la Russia, soltanto una delle tappe di questo nostro progetto. Gli eventi recenti ci hanno infatti portati a prendere una decisione importante, la più importante mai presa finora, quella di vivere le nostre vite nel modo che desideriamo.

Subito dopo aver preso la decisione di lasciare il freddo e gentile Canada per raggiungere l’assolata Australia non eravamo infatti ancora pienamente soddisfatti. Dentro di noi ci sentivamo come se non avessimo centrato del tutto l’obiettivo.

Nel giro di poche ore, come se fosse da sempre riposta dentro di noi senza venire fuori, come se aspettasse solo il momento, o la scusa, necessari per emergere, un’idea si fece strada nelle nostre menti e nei nostri cuori. Era un’idea più ampia, un giro più largo.

Abbiamo dunque deciso di raggiungere l’Australia senza prendere aerei, utilizzando ogni mezzo di superficie a nostra disposizione, e mettendoci tutto il tempo necessario. Lo scopo del nostro viaggio è infatti quello di scoprire quanto più possiamo del mondo in cui viviamo, venendo a contatto con il maggior numero possibile di persone e tradizioni differenti.

Il nostro itinerario prenderà il via sul mare Adriatico, con un traghetto che ci porterà sulla penisola balcanica, da dove inizierà la nostra scoperta dell’Europa orientale, fino ad arrivare nella terra degli zar, la Russia. Dopo le famose città di San Pietroburgo e Mosca, il nostro viaggio verso oriente proseguirà sulla ferrovia più lunga e famosa del mondo, la Transiberiana.

Attraversando la Siberia, il viaggio ci porterà in Asia, prima in Mongolia e poi in Cina, per poi continuare nei paesi del Sud-est Asiatico. Ad eccezione delle limitazioni di visto presenti in alcuni dei paesi che visiteremo, l’itinerario è totalmente aperto e il meno possibile programmato, così da poter assaporare ogni momento senza limitazioni di tempo.

Viaggeremo con un budget ristretto, dormendo sempre in ostelli e, dove possibile, direttamente con le persone del luogo. Accetteremo volentieri ogni aiuto da parte di chiunque voglia e possa darci una mano a perseguire questo nostro folle progetto.

Quando possibile, daremo costanti aggiornamenti qui sul sito e sui nostri canali social [FACEBOOK, INSTAGRAMTWITTER], così da creare un quadro completo della nostra esperienza per chiunque voglia seguirci o sia interessato ad intraprendere un percorso del genere. Per questo forniremo anche le informazioni pratiche necessarie apprese durante la nostra esperienza.

Cercheremo inoltre di dare una mano alle persone meno fortunate di noi che incontreremo lungo il cammino, dedicandoci ad opere di volontariato quando possibile, così da poter condividere con gli altri un po’ della fortuna che abbiamo ricevuto noi.

Oltre alla scoperta, questo viaggio sarà per noi anche la ricerca di una purificazione e di una conoscenza interiori, come netto contrasto con gli anni (bellissimi) spesi nel cuore della frenetica vita occidentale.

Nei mesi a venire le istantanee diventeranno a centinaia e il nostro giorno qualunque diverrà un giorno di viaggio e di scoperta, vissuto senza sapere cosa ci riserverà quello successivo, e visto anche attraverso gli occhi delle persone che incontreremo.

Il nostro giro largo prenderà il via alla metà di aprile. E voi, volete seguire il nostro viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *